domenica 14 giugno 2015

E' nata Maja !

Finalmente eccola fra noi, la sorellina di Galileo ! Nella serata dell'11 giugno, con il primo vero caldo di questa strana estate svedese, la prima astronauta donna italiana rientrava dalla sua lunga missione spaziale e con lei arrivava a noi la Pleiade più bella. 
A te, piccola stella, dedichiamo questa poesia di Khalil Gibran:

"I tuoi figli non sono figli tuoi, 
sono figli e le figlie della vita stessa.
Tu li metti al mondo, ma non li crei.
Sono vicini a te, ma non sono cosa tua.
Puoi dar loro tutto il tuo amore, ma non le tue idee, 
perché essi hanno le loro proprie idee.
Tu puoi dare loro dimora al loro corpo, non alla loro anima, 
perché la loro anima abita nella casa dell’avvenire, 
dove a te non è dato entrare, neppure col sogno.
Puoi cercare di somigliare a loro, 
ma non volere che essi somiglino a te,
perché la vita non ritorna indietro e non si ferma a ieri.
Tu sei l’arco che lancia i figli verso il domani".


E anche, come da tradizione svedese, una canzone primaverile scritta da Alice Tegnér, Majas visa:


8 commenti:

TopGun ha detto...

Augurissimi! :D

Muriel ha detto...

Congratulazioni! Le avete donato un bellissimo nome!

Argentea ha detto...

Felicità a tutti voi!

Marco - Osio ha detto...

Tanti auguri a tutti e 4! :-)

Giuls ha detto...

Augurissimi, avete scelto un bellissimo nome :)

Madala ha detto...

Tanti auguri!!!!

Filippo Crimì ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Kata ha detto...

Augurissimi! Un po' in ritardo. Prima o poi veniamo a trovarvi. E grazie per la poesia. E' bellissima e molto vera.