giovedì 27 settembre 2012

Nell'ultimo mese... Un "guest post" !

E' un bel po' che siamo assenti. In realtà siamo sempre qui e non ci siamo mossi da casa, ma abbiamo avuto il nostro bel daffare. Tra lavoro a tempo pieno, asilo, corso di russo (Silvia), badminton (Gabriele) e attività collaterali varie (organizzazione della Blogfesten, programmazione dell'imminente vacanza-di-6-settimane-6) il tempo di quest'ultimo mese è volato. 
Nel frattempo abbiamo avuto il piacere e l'onore di conoscere una persona che ha voluto anche scrivere qualcosa di noi. Senza anticipare nulla, ecco a voi Lucia:


Mi presento: sono Lucia da Piacenza. Vi starete chiedendo come mai ci sia un mio guest-post sul blog di Silvia e Gabriele e ora vi spiegherò il motivo. Sono una studentessa di Medicina dell’Università degli Studi di Pavia e ho trascorso un mese di tirocinio presso il Vårdcentral in cui lavora Silvia, che è stata mia tutor per tutto il tempo che ho trascorso nella clinica.
Devo dire che questa è stata la mia prima volta in Svezia e ne sono rimasta ammaliata. La mia prima impressione di questo Paese scandinavo è il verde: è ovunque, in città, in campagna, in casa e anche nel cortile del palazzo dove ho vissuto. Ed è un verde vivido, splendente e rilassante. Altra meraviglia sono le tipiche case svedesi, nei colori classici rosso e bianco o anche nelle tonalità dell’azzurro e del giallo.
Norrköping è una bellissima cittadina, che mi ha sorpresa per la sua vitalità e per la sua allegria. Quella trascorsa è stata, come mi è stato detto da molti svedesi, un’estate alquanto anomala, con poco sole e molto vento (non mi sono mai staccata dalla mia giacca a vento per tutto agosto!) ma devo dire che sono riuscita comunque ad immergermi nella vera vita svedese, grazie alla disponibilità delle mie coinquiline.
Il Vårdcentral presso cui ho lavorato si trova a circa mezz’ora di macchina dalla città (un poco di più se si viaggia in pullman come ho fatto io), in un paesino immerso nella tipica campagna svedese. Nel tragitto che mi portava al luogo di lavoro la mattina avevo la possibilità di ammirare la campagna “risvegliarsi”: trattori ed aratri al lavoro, animali al pascolo ancora assonnati e tanti cavalli liberi di correre nella campagna.
Alla clinica sono stata accolta molto bene e la fortuna vuole che oltre a Silvia vi lavori da oltre 30 anni un altro italiano, Salvatore. Tutto lo staff è stato da subito disponibile nell’aiutarmi e nel coinvolgermi, e ho potuto vedere come funziona una Clinica di Medicina Generale svedese. Oltre ai medici, che possono essere già specialisti ma anche specializzandi o tirocinanti dell’esame di stato svedese, vi sono  infermieri specializzati, che hanno una maggiore libertà rispetto agli infermieri italiani e svolgono un ruolo importantissimo nella cura dei pazienti cronici.
L’orario di lavoro va dalle 8 del mattino alle 5 del pomeriggio, con ben due “fika” (la pausa caffè svedese) e una pausa pranzo, per un totale di un’ora di relax nell’intera giornata lavorativa. Le fika sono ben definite e non si può andare in pausa a piacimento (come invece, purtroppo, avviene in Italia), anche perché ogni paziente ha il proprio appuntamento (che può durare da 15 a 45 minuti) che deve essere rispettato in modo da visitare tutti e da dedicare a ciascuno il giusto tempo.
Durante il tirocinio ho avuto la possibilità di visitare i pazienti e di poter discutere con Silvia della terapia, potendo finalmente porre delle domande e ricevendo risposte adeguate che sono riuscite a togliermi i dubbi che mi portavo dietro dagli esami. È stata questa la grande differenza che ho potuto notare: se a Pavia noi studenti veniamo definiti “trombo bianco”, perché stiamo nei corridoi ad “ostruire” il passaggio dello staff e veniamo quindi visti come una noia, al Vårdcentral mi sono sentita parte integrante dello staff, potendo partecipare anche alle loro riunioni e agli aggiornamenti delle linee guida di trattamento, e venendo anche interpellata su alcuni casi clinici particolari e didattici.
Per concludere, questo mio mese in Svezia è stata un’esperienza importante per la mia carriera di studente di Medicina e per la mia vita da futuro medico. 



Ringrazio moltissimo Silvia, che mi ha dato questa bellissima possibilità e che è stata una tutor fantastica ed è diventata una buona amica, e Gabriele, per avermi permesso entrambi di entrare per poco tempo nelle loro vite e in casa loro ed per avermi accolta come una di famiglia. Siete due persone fantastiche!
Ringrazio poi tutto lo staff del Vårdcentral che mi ha insegnato cosa significhi lavorare in armonia con tutti per migliorare il servizio ai pazienti.

E cara la mia Svezia, prometto che ci rivedremo presto!

PS: un saluto grande a tutti gli Italienare (credo si scriva così) che ho avuto modo di incontrare a Norrköping! 

8 commenti:

Carlo ha detto...

Buona fortuna Lucia.

Raffaella ha detto...

Bel post Lucia!Un abbraccio virtuale da una Italienare a Stoccolma

Giulia ha detto...

In bocca al lupo per tutto!

antonietta ha detto...

bell'esempio di cooperazione e di vero aiuto x far crescere i ragazzi futuri dottori!

angelo89 ha detto...

Ciao..

lybra219 ha detto...

Brava Lucia,prendi la laurea e prepara i bagagli...

angelo89 ha detto...

Silvia e Gabriele salve!intanto volevo farvi i complimenti perché siete stati veramente coraggiosi a non adattarvi e ad avere il coraggio di non rinunciare mai ai vostri sogni e seguire sempre le vostre aspirazioni!mi complimento anche per il vostr blog, lo trovo veramente utile dettagliato e molto carino.
Mi presento mi chiamo Angelo sono un ragazzo siciliano di 23 anni.ho letto molto il vostro blog è devo dire che sto ipotizzando un eventuale futuro lì.voleve chiedervi un paio di informazioni:allora sono un musicoterapista(ancora da poco ho preso il diploma a luglio)sto finendo un corso per diventare counsellor di gestalt psico-sociale e sto frequentando l'università per diventare sociale volevo chiedervi se ci sono reali e stabili possibilità lavorative utilizzando queste qualifiche.volevo anche capire ma veramente la vita in Svezia è così semplice bella e tranquilla?un altra cosa che mi ha particolarmente colpito e che mi riguarda in prima persona è ma veramente gli omosessuali sono trattati e tutelati normalmente?veramente Li in Svezia abbiamo la possibilità di vivere e crearci una famiglia e vivere tranquillamente?cosa ne pensate voi in merito?e come è la situazione in Svezia?
Grazie mille per la cortese attenzione :-) Angelo

Paolo ha detto...

Mi piace il tuo post Lucia perchè credo sia assai giusto confrontarsi il più possibile con la realtà che ci circonda e non vivere sempre nel proprio guscio protetto!

Devo anche ammettere che sei stata fortunata, io finora ho mandato diverse e-mail per un tirocinio clinico post abilitazione a diversi ospedali e finora purtroppo non ho avuto molta considerazione! Forse i Vardcentral sono più disponibili da questo punto di vista anche se diciamo non ho provato preferendo un'attività da medico ospedaliera.

Comunque se tu di Pavia (una delle migliori facoltà di medicina d'Italia con molti tirocini) già descrivi questo quadro puoi ben immaginare come chi proviene da altre facoltà,personalmente da Ferrara, senta ancora di più il divario tra la clinica vera e quella studiata praticamente solo sui libri di testo!

Ahimè, bè se hai l'interesse di trasferirti in Svezia, come me, o in altri paesi, ti auguro ogni bene, perchè non è per essere pessimisti ma, realisticamente parlando, in Italia senza conoscenze si fa davvero davvero fatica senza alcuna gratifica!

Paolo