venerdì 9 luglio 2010

L'Estate con la E maiuscola

Anche se per me, ultimo arrivato sul posto di lavoro, non c'è spazio per troppe ferie quest'estate (solo una settimana ad agosto in cui raggiungerò Silvia a Kiruna per il famoso corso "Human spaceflight and exploration"), riesco comunque a godermi appieno questa bellissima stagione.
Eh sì... le calde ed afose estati della Pianura Padana bruscamente interrotte da forti temporali con piogge torrenziali, grandinate e persino qualche tromba d'aria, sono ormai un ricordo.
Quest'anno però l'estate ha la E maiuscola qui nell'Östergötaland. Giugno si è chiuso con un caldo crescente e luglio per il momento ci ha regalato delle splendide giornate e piuttosto calde. Temperature che al massimo hanno raggiunto i 30-32°C ma che per la maggior parte dei giorni si sono assestate su qualche grado più in basso. E così dopo l'inverno più nevoso degli ultimi x anni abbiamo l'estate più calda dal 1994. Una vera e propria pacchia... il bello è che grazie alle giornate molto lunghe le temperature si mantengono su questi valori dalla mattina fino alla sera inoltrata... ma senza troppa umidità.
Ma luglio è anche il mese delle ferie per gran parte degli svedesi. Il posto di lavoro si è letteralmente svuotato e persino la mensa da oggi è chiusa fino alle prima settimana di agosto. In fin dei conti però non mi dispiace lavorare quando c'è meno gente in giro... ovviamente c'è più da fare ma si sta più tranquilli, un po' come succede nei weekend lavorativi.
Il fatto che gran parte della gente sia in ferie lo si poteva capire anche sabato sera perché nelle vie del vecchio centro industriale, ma soprattutto lungo il sentiero che costeggia il fiume erano veramente poche le persone a passeggio. Tra quelle poche però ci siamo imbattuti in Tiziana, Michele e le due bambine che come noi erano scesi verso il fiume per godersi le luci della sera che regalano scorci incantevoli attorno alle rive che pullulano di ninfee in questo periodo. E così tra una chiacchiera e l'altra abbiamo poi deciso di terminare il giro del fiume con una puntata verso il centro della città che fino a quel momento giaceva ai nostri occhi addormentata.
Questa città però presto ci ha riservato una piacevole sorpresa e, da quella che ci sembrava addormentata, si è trasformata in qualcosa pullulante di vita... infatti una volta giunti nei pressi del centro i nostri occhi non potevano quasi credere a quello che vedevano. A mano a mano che ci avvicinavamo al luogo da dove provenivano musiche e canti rock la quantità di gente attorno a noi aumentava di pari passo. Finché non ci siamo ritrovati in mezzo ad una marea umana di gente con tanti giovani (5.000 a leggere il giornale oggi) lì radunati per dei concerti all'aperto... Subito mi sono tornate in mente le parole di Marco che osservava a suo tempo che in questa città c'è poca gente in giro e che le ragazze non sono proprio lo stereotipo della svedese tipo dell'immaginario italiano... Marco è in Italia in ferie ma se fosse stato qui sabato sera si sarebbe ricreduto mille volte e forse anche mangiato le mani!!! Michele può testimoniare abbondantemente... ed anche le nostre mogliettine non hanno potuto far altro che guardarsi in giro divertite...

3 commenti:

Rello 75cl ha detto...

Marò Gabriele, almeno qualche foto!!! :)

sdonatelli77 ha detto...

mi accodo da inguaribile romantico alla richiesta di qualche foto sfiziosa e-o interessante ! ! !

gattosolitario ha detto...

A Stoccolma ci sono tante cose da fare in estate, mentre il resto della Svezia fondamentalmente dorme. Mi sa siete capitati nell'unico giorno attivo per Nörrköping : ) Ci sará qualche altra cosa in programma?

Anche i luoghi di vacanza sono praticamente deserti, in quanto in genere i locali cercano di stare il piú da soli possibile e non vedere i vicini. Certo non si raggiunge la Finlandia. Lí fittano le case estive e negli annunci c'é "la distanza dal vicino". Ovviamente maggiore é questa piú costa la casa ehehehe

Figurati che qui vicino Uppsala c'é un piccolo villaggio di pescatori molto carino in estate. Gli abitanti del posto hanno protestato contro il ristorante sul porto perché ha iniziato quest'anno con musica dal vivo. Tra l'altro musica tradizionale svedese, anche carina da sentire... non musica rock. Mi sembra che il comune abbia giá limitato i "concerti" : ) Devo controllare meglio sul giornale!