giovedì 3 marzo 2011

La nascita di un figlio nell'era di internet

In attesa che la mamma trovi la voglia di staccarsi dal pupo per raccontare la sua versione del parto (non che io non mi diverta anzi tenerlo in braccio è un vero spasso...) il sottoscritto, che non deve allattare e quindi tra un lavoretto e l'altro ha un pochino più di tempo, riesce a scrivere qualcosa.
Con l'arrivo di Galileo ci sono giunti una valanga di commenti sul blog, su Facebook, via email... nell'era di internet le emozioni viaggiano via rete ma comunque vi posso assicurare che ci si emoziona ancora leggendo su uno schermo di un computer le parole dei nostri cari, degli amici o della grande famiglia del nostro blog: grazie di cuore a tutti da parte nostra.
Ma in questi giorni abbiamo avuto anche l'emozione di scartare un pacco ritirato dalle poste, aprire la porta per ricevere un mazzo di fiori che viene da lontano, entrare in casa e trovare appeso al soffitto uno splendido "Benvenuto a Galileo" o ancora sentire la cassetta della posta sulla porta sbattere per l'arrivo di alcune lettere.






Oggi viviamo così la nascita di nostro figlio, davanti ad una webcam Skype, perché abbiamo deciso di vivere a duemila chilometri da casa lontano da vecchi amici e parenti, per gettare le basi di un futuro che speriamo sia migliore soprattutto per lui: non per questo è un'emozione meno bella.

9 commenti:

Akaah Aren ha detto...

Che belle parole :) Sono davvero contenta per voi!
Un saluto dal Friuli!

il cugino di Qualso ha detto...

Congratulazioni e tantissimi auguri per la nascita del piccolo Galileo, un bellissimo bambino e...fortunato con due genitori come voi. tanti auguri. Mandi

Lali ha detto...

Vi seguo da poche settimane, ma sono sicura che i vostri cari, anche da lontano, sono orgogliosi di voi!!E' vero, siete approdati in terra svedese, per voi, ma soprattutto per garantire al cucciolo di casa un futuro più solido e vedrete che il tempo vi darà ragione!!

antonietta ha detto...

vi seguo con affetto, voi 3 new family...e la tecnologia sia con voi...ma i pannolini sporchi sono gli stessi dell'era digitale...

Anonimo ha detto...

Congratulazioni per il nuovo arrivato! Auguri, Chiara

teo-98 ha detto...

ciao ragazzi... è un po' che non mi sono fatta sentire... scusatemi...
mi sono riletta i post precedenti... caspita... sono rimasta indietro di qualche mese!!!!
Complimenti anzi... complimentissssimi per la nascita di Galileo!!!!!
Complimentissimi per la nuova casa!!!!
Complimentisssimi per l'Aurora Boreale che sarebbe piaciuta tantissimo a mio marito... ma io odio il freddo e il gelo!!!!
Spero di seguirvi più da vicino da ora in poi....
Mi potreste mandare il vostro indirizzo??????
patriziasomazzi@msn.com
grazie mille e buona notte alla dolce famigliola!!!

chechi ha detto...

Galileo è un nome bellissimo, e il vostro coraggio sarà premiato! forza Galileo!!!!

Marco - Osio ha detto...

Benvenuto Galileo!

(e scusami per il ritardo :-)

Marco

Titti1 ha detto...

Trovo che la scelta di questo nome, un po' inconsueto in Italia, ma molto italiano, sia davvero azzeccata.
Vi leggo da poco ma mi piaciete molto perchè rappresentate quel VORREI MA NON POSSO che tanti ragazzi italiani hanno in testa, finalmente reale.
Vi auguro ogni bene per la vostra vita che prima era a 2 ed ora è meravigliosamente in 3.
La neomamma ha tanto bisogno di uscire, stare con le persone, parlare con adulti e DORMIRE. E anche di sentirsi dire che è normale versare qualche immotivata lacrima, ogni tanto. Lo so per esperienza.