giovedì 24 maggio 2012

La griglia nel bosco

Come annunciato domenica scorsa abbiamo effettuato la gita nella riserva naturale del bosco del Övre Glottern. Al nostro appello avevano risposto ben cinque famiglie di italiani per un totale di 17 tra adulti e bambini! Contando che si trattava di un weekend lungo e sul conseguente fatto che molti svedesi avevano lasciato le città per gite fuoriporta, speravamo in cuor nostro di riuscire ad arrivare sul posto "scoperto" il weekend precedente prima di tutti gli altri gitanti della domenica, in modo tale da poter attrezzare la griglia appunto nel posto più bello, in riva al lago.
Con nostro stupore però all'arrivo al parcheggio abbiamo trovato già 5-7 auto parcheggiate che ci avevano fatto temere il peggio. Così divisi in diversi gruppetti ci siamo avventurati lungo il sentiero per raggiungere la meta con la speranza che l'ora ancora mattutina (erano le 10) avesse invogliato coloro che erano arrivati prima di noi a fare delle passeggiate più lunghe della nostra. Devo dire che una volta giunti a destinazione la  delusione nel vedere il nostro posto perfetto già occupato da un folto gruppo di bambini ed adulti tutti stretti  attorno al fuoco è stata tanta... ma com'era possibile?
Prima di prendere la vita del ritorno e ripiegare su uno degli altri due luoghi attrezzati per il fuoco (seppur molto meno belli) non mi sono dato per vinto e avvicinandomi ho chiesto alle persone del gruppo se avevano intenzione di fermarsi tutto il giorno. Sapete cosa mi hanno risposto? Che se ne sarebbero andati da lì a poco perché in quel posto ci avevano dormito!! Beh non potevo crederci, avevano fatto un campo notturno con i bambini...


All'arrivo del resto della nostra comitiva il gruppo aveva già "rifatto le tende" e montato gli zaini in spalla si era avviato sulla via del ritorno e per noi non rimaneva altro che prendere possesso del luogo incantato.
Dovete sapere che nonostante il posto si trovi a mezz'ora di cammino dalla strada più vicina, è attrezzato di tutto punto per le grigliate. Infatti in prossimità del vindskydd e della bastu (ne avevamo parlato qualche giorno fa) ci sono due casse in legno con dentro ceppi di betulla. E se i ceppi dovessero finire? Basta fare una telefonata al comune (allo stesso numero che da il codice per entrare nella bastu) e loro mandano qualcuno "a fare legna" e rimpinguare le scorte. Cose da non crederci.
Poi è stato il turno dei fuochisti che hanno dato vita al fuoco e preparato le braci. Qualcuno si era portato anche dei panini di scorta (nel timore che la griglia non funzionasse) ma devo dire che non sono serviti perché il fuoco ha fatto il suo dovere alla perfezione. Ed anche il tempo è stato perfetto, sole, qualche nuvola, poco vento e temperature gradevoli.


Tutti si sono divertiti un mondo, bambini e adulti compresi e nonostante noi ci fossimo attrezzati per permettere a Galileo di dormire in un piccolo sacco a pelo all'interno del vindskydd, non c'è stato verso, il piccolo ha razzolato in giro senza sosta tutto il tempo; è crollato solo una volta piazzato nello zainetto in spalle al papà sulla via del ritorno.


E proprio lungo il sentiero di ritorno abbiamo avuto il tempo per cercare altri due tesori della geo-caching. Il primo non siamo riusciti a trovarlo (forse anche per il fatto che il GPS dentro il bosco fitto non riusciva ovviamente a prendere bene il segnale dai satelliti e l'incertezza era troppo elevata con una relativa zona di ricerca troppo grande per il tempo che avevamo a disposizione), mentre per il secondo non ci sono stati grandi problemi.

1 commento:

mario fabriani ha detto...

verrò a Norrkoping dal 22 al 30 giugno 2012 (per un torneo di bowling) mi farebbe piacerebbe contattarvi, anche via mail.
Io sono Mario Fabriani (mario.fab03@gmail.com oppure marachi@inwind.it).
Ci sentiamo?
così potrete darmi qualche consiglio su cosa fare e vedere.
Ciao
Mario