mercoledì 24 giugno 2009

Trasloco, seconda parte

Eccomi qui. In queste prime settimane di vita del nostro blog svedese i miei post sono stati pochi a causa della mia assenza fisica dalla casa svedese e così il diario della nostra avventura ha preso vita grazie a mia moglie Silvia che ha realizzato dei post veramente interessanti. Bravissima !
Da parte mia, dopo la prima parte del trasloco effettuato ad aprile grazie al quale abbiamo portato su le prime cose ed abbiamo effettuato il montaggio del mobilio fondamentale, sono rientrato in Italia. Successivamente sono stato impegnato oltreoceano, negli Stati Uniti d'America, in un grosso progetto di ricerca sui tornado.
Ma finalmente ci siamo, mancano ancora pochi giorni prima della seconda parte del trasloco. Dopo lo scorso weekend in cui abbiamo festeggiato il nostro primo anniversario di matrimonio sul Lago di Garda, è iniziata per me una settimana frenetica che si concluderà lunedì pomeriggio con la partenza DEFINITIVA dall'Italia, meta Svezia.
Grazie a Skype la lontananza da mia moglie è stata meno pesante, ma le notizie/commenti/racconti su queste sue prime settimane di vita svedese mi hanno incuriosito giorno dopo giorno sempre di più e con il passare del tempo è cresciuta anche la voglia di partire alla volta del nord. Adesso è arrivata anche per me l'ora di caricare i vestiti in macchina, chiudere a chiave la casa e partire...
Ad accompagnarmi questa volta ci sarà un amico e così i 2.300 chilometri saranno meno pesanti. Tuttavia il viaggio non mi spaventa per nulla, dopo più di 19.000 chilometri percorsi nelle Grandi Pianure d'America, questi saranno più o meno una passeggiata, anche perché l'andatura del nostro vecchio Land Rover Discovery non mi permetterà grandi velocità.
Per il primo trasloco con la Silvia avevamo scelto la "via orientale" passando per Norimberga, Berlino, traghetto da Sassnitz a Trelleborg e poi l'autostrada che taglia da sud-ovest a nord-est la parte meridionale della Svezia.


Per questo secondo trasloco lasceremo da parte il traghetto in favore di un più paesaggistico transito in Danimarca. Cambieremo rotta anche in Svezia, visto che seguiremo la costa. Dovremo impiegarci tre giorni con tutta calma, per arrivare a destinazione nella mattinata del quarto giorno. Questa scelta tattica è stata dettata dall'esigenza di acquistare all'Ikea di Linköping la camera per gli ospiti che dovrà essere montata nel pomeriggio del giorno del nostro arrivo... altrimenti il pavimento sarà il nostro letto...

4 commenti:

thebfive ha detto...

buon viaggio!

gattosolitario ha detto...

Se posso darti un consiglio, puoi prendere il traghetto Germania/Danimarca (Fehmam-Rödby) e risparmi circa 150-200 km. E poi ti consiglierei di evitare moltissimo di fare vie interne in Svezia, come quella lungo la costa. I limiti di velocitá sono bassissimi e spesso non sono autostrade, ma semplici "statali" che attraversano anche paesini. Potresti metterci anche il doppio del tempo. Ovviamente il mio é un consiglio per averlo giá fatto, se poi invece l'obiettivo é un giro turistico allora vai : )

Tra l'altro se prendi la E4 l'Ikea di Linköping é sulla strada, ci sono stato : )

silvia ha detto...

buon viaggio concordo con gattosolitario,anche noi abbiamo fatto lo stesso x il viaggio di ritorno ed è stata lunga ma bella,ciao a presto

Anonimo ha detto...

hej! ciao a tutti ho scoperto il vostro blog per puro caso, mi e´piaciuta la vostra avventura complimenti.
volevo chiedere una piccolissima info:
devo trasportare un mobiletto in italia dalla svezia, come posso fare?
evitando di percorrere mezza europa in auto? anche se mi piacerebbe ma non ho l auto!!
ce qualke compagnia economica di trasporto? penso che potreste darmi una mano nel caso non fosse cosi vi ringrazio e vi auguro un forte in bocca al lupo!!