sabato 27 febbraio 2010

L'era glaciale è finita?

Ecco, prima o poi sarebbe successo. Dopo tre mesi passati a temperature che qui chiamano "minusgrader" ossia sottozero, in questi ultimi giorni la colonnina del mercurio si è affacciata timidamente alla fatidica soglia che determina, per l'acqua, il passaggio tra lo stato solido e quello liquido (a pressione atmosferica si intende...).
Questo significa che è iniziato un processo che a mio avviso non sarà breve durante il quale le montagne di neve iniziano a sciogliersi lentamente, grazie anche al contributo "distruttivo" delle deboli piogge quando le temperature sono sopra lo zero. E così la neve ha iniziato a perdere il suo bianco candore ed il colore dei cumuli di neve ai lati delle strade sta mutando verso un grigio scuro, marrone. Non c'è più sulla sede stradale quella fantastica farina nevosa asciutta che ha regnato sovrana per tutto il cuore dell'inverno; la farina ora ha lasciato il posto ad una fanghiglia più o meno bagnata.
Le situazioni più difficili però si incontrano sui marciapiedi e sulle zone riservate ai pedoni dove la neve pressata e bagnata, grazie magari a qualche ora sottozero durante la notte, si trasforma in una miscela scivolosa fatta di neve, ghiaccio e sassolini anti scivolo che però vengono subito inglobati dalla miscela e perdono il loro effetto benefico. Camminare ora diventa un esercizio di equilibrio e non è difficile vedere persone di tutte le età avanzare con andature improbabili.

L'altra sera avevo calzato ai piedi un paio di scarponcini che non avevo mai messo prima durante l'inverno perché non adatti alle temperature diciamo "molto" sotto zero. Appena uscito allo scoperto mi ero chiesto che problema avessero le suole di questi scarponcini ma poi, confrontata l'esperienza con altre persone, ho scoperto l'arcano: l'era glaciale è (quasi) finita, è iniziato il disgelo.
Le condizioni meteorologiche del prossimo mese decreteranno la velocità con cui tutta la neve se ne andrà. Non sarà un bel mese sicuramente e le scarpe saranno spesso sporche, ma è il modesto prezzo da pagare per aver goduto di un inverno senza precedenti da molti anni a questa parte !

3 commenti:

Marco - Osio ha detto...

Sarà anche cominciato il disgelo (e il fatto di essere arrivato solo da una settimana mi ha permesso di godere poco del paesaggio totalmente innevato), però ho comunque fatto in tempo a cascare al suolo su un marciapiede, grazie ad un bel lastrone di ghiaccio abilmente nascosto da un sottile strato di neve :-)
un bell'impatto con il suolo svedese!
in effetti alcuni tratti ghiacciati ancora resistono qua e là, ma la bici, per ora, non mi ha ancora tradito (al contrario degli scarponi invernali!)
ciao
Marco

Robe ha detto...

ahahahah appena ho letto "a pressione atmosferica si intende" sapevo già che l'autore del post è Gabriele ahahahah
Qui, a Cagliari, ieri si sono toccati i 20°C... roba da pazzi.
Buono scongelamento :)
hej da°

gattosolitario ha detto...

Ci vuole la canoa per camminare per strada !!!