sabato 10 ottobre 2009

Facciamo il punto

Da alcuni giorni le giornate qui in Östergötland iniziano con un bel cielo blu ed il sole spledente. Le foglie deli alberi che contornano il nostro appartamento si stanno riempiendo di colori sempre più accesi e nelle giornate di vento iniziano purtroppo a lasciare il loro "nido" per scendere a terra: siamo in pieno autunno. Ecco qui sotto "una vista" riflessa sullo schermo del computer da cui vi sto scrivendo!

Stamattina Silvia è rientrata da un turno notturno in ospedale e per la prima volta ha dovuto fare i conti con la brina che ricopriva tutto il parabrezza. Domani, visto che andremo a Linköping per incontrare per la prima volta una ragazza italiana che da qualche anno ha scelto di vivere vicino al suo fidanzato svedese, faremo anche una visita a Biltema (l'enorme magazzino dedicato ad auto, barche e hobby vari) per dotarci di liquido antigelo per il radiatore e spatola per debellare il ghiaccio dal parabrezza.
La nostra auto purtroppo non ha uno degli accessori che forse si rivelerà molto utile nei prossimi mesi: la resistenza per sbrinare il parabrezza. Infatti ne avevamo potuto apprezzare la validità quando, a metà gennaio arrivando qui in avanscoperta, avevamo noleggiato una Ford Focus (tra l'altro ibrida che andava anche ad etanolo).

Nel frattempo ieri ho fatto l'abbonamento che vale per tutti i mezzi pubblici di Norrköping e Linköping compresi i treni per i pendolari tra le due cità: infatti martedì finalmente inizierò un corso intensivo di lingua svedese alla Folkuniversitet di Linköping. Full immersion per quattro settimane, tutti i giorni dal lunedì al giovedì dalle 8.30 alle 12. Spero proprio di dare una svolta definitiva al mio svedese, che per il momento è fondato sullo studio "home made".
Nel frattempo i nostri amici vanno e vengono. Per alcuni che vanno in Italia per un paio di settimane (provando tutti i mezzi di trasporto possibili: auto, treno, aereo e traghetto), altri arriveranno a breve. Giulia, Marco e pupo hanno ormai iniziato il conto alla rovescia. Per loro l'arrivo è fissato ai primi di novembre. Giulia, collega di Silvia in ospedale a Padova, inizierà una nuova carriera fianco a fianco nello stesso ospedale, il Vrinnevi qui a Norrköping. E cosa ancor più bella, abiteranno nel condominio di fronte al nostro ! La piccola comunità italiana a Norrköping inizia a crescere...
Ieri sera grazie a Skype mi hanno svelato i piani di battaglia del loro trasloco e mi sembrava di rivivere le stesse emozioni di quando ad aprile ci buttammo anche noi in questa grande avventura. Non vedo l'ora di dare loro una bella mano, ritornare all'IKEA a "fare la spesa", noleggiare il mitico furgone della Statoil e rifare "l'impresa delle due ore"...

2 commenti:

salvatore ha detto...

Che bello ragazzi!!!! voglio trasferirmi pure io in Svezia per sempre e non fare solamente il turista.
Un altro annetto, mi laureo e a 24 anni addio Italia!
speriamo :)

silvia ha detto...

Ciao anche io nn vedo l'ora di andarmene dall'italia,ancora un pò e poi viaaaa...........